Buon Natale: Il fenomeno Coca-cola

coca-cola_natale_xmas

Introduzione

Per quest’anno ho pensato ad un post Natalizio un po’ frizzante. Il Natale Coca-cola che ha cambiato la percezione del marchio e della festività.

Coca-Cola è uno dei brand più celebri al mondo, inizialmente ha basato la sua strategia di marketing sullo sviluppo di pubblicità destinate ad un contesto familiare, utilizzando immagini che ritraggono situazioni della vita quotidiana in cui viene messo in evidenza l’utilizzo del prodotto. Con il passare degli anni, ha saputo adattare il brand ai mutamenti della società e delle esigenze dei consumatori. La sua storia ha seguito l’evoluzione stessa della pubblicità, passando da una comunicazione più concreta (come mostrato in questo articolo)  e oggettiva ad una più emozionale.

Coca-Cola è conosciuta anche per aver lanciato un “personaggio” che ha modificato radicalmente la cultura, gli usi e i costumi dell’intero mondo occidentale. La figura di Santa Claus è stata proposta, per la prima volta, in una storica pubblicità della Coca-Cola, del 1920. L’impatto è stato così forte da creare un immaginario collettivo nuovo, contribuendo all’idea del natale e del suo personaggio chiave che conosciamo oggi.

Il mito di Sinterklaas

hn_leech1843

Il mito di Babbo Natale ha origine nel personaggio di San Nicola di Myra (più noto in Italia come San Nicola di Bari), un vescovo cristiano del IV secolo. Una leggenda racconta che San Nicola, già vescovo, resuscitò tre bambini che un macellaio malvagio aveva ucciso e messo sotto sale per venderne la carne, per questo motivo è considerato il protettore dei bambini. Il nome Santa Claus, ha origine dal nome olandese Sinterklaas, un personaggio di fantasia derivato da San Nicola. Nelle raffigurazioni classiche, gli abiti di Sinterklaas sono simili a quelli del vescovo San Nicola. Egli porta una mitra rossa con una croce dorata, un immagine molto più legata ad un contesto religioso rispetto a quella odierna. Secondo la tradizione popolare del nord Europa, egli si serve di un cavallo bianco con il quale vola sui tetti e i suoi aiutanti scendono nei comignoli per lasciare i doni.

Thomas Nast (1840 – 1902), un illustratore americano famoso per aver illustrato le imprese di Garibaldi durante la campagna militare per l’unificazione dell’Italia; In una illustrazione del 1863, realizzata per il giornale newyorkese Harper’s Weekly, disegnò un Babbo Natale anziano, paffuto e barbuto come lo conosciamo oggi. Prima di allora, la maggior parte delle rappresentazioni di Babbo Natale mostravano un uomo alto e magro. Per la prima volta la figura di Santa Claus si distacca completamente dalla iconografia cristiana e assume una dimensione completamente pagana.

georgia-atlanta-coca-cola-santa-claus-thomas-nast-2

La nascita del Natale Coca-cola

A partire dal 1920, l’azienda The Coca-Cola Company introdusse la figura di Santa Claus nelle pubblicità di Natale, realizzando campagne su riviste come The Saturday Evening Post. In queste illustrazioni sono state utilizzate immagini che facevano riferimento alle opere di Thomas Nast.

L’immagine contemporanea che abbiamo oggi di Babbo Natale fu sdoganata nel 1930. L’artista Fred Mizen disegnò un Babbo Natale in un grande magazzino che beveva (ovviamente) una bottiglia di Coca-Cola in mezzo alla folla. Il disegno venne utilizzato nella campagna-stampa natalizia di Coca-Cola. La legenda olandese viene rielaborata e riproposta, diventando un mito a livello mondiale.

georgia-atlanta-coca-cola-santa-claus-department-store

Nel 1931 l’azienda cominciò a fare pubblicità sulle riviste popolari. Archie Lee, il referente di The Coca-Cola Company per la D’Arcy Advertising Agency, commissionò al disegnatore del Michigan, Haddon Sundblom (1899 – 1976), delle illustrazioni pubblicitarie con protagonista un Babbo Natale piacevole, realistico e simbolico allo stesso tempo. Sundblom, per evocare quell’immagine paffuta, accogliente e calorosa si ispirò alla poesia di Clement Clark Moore (1779 – 1863) del 1822 conosciuta come Twas the Night Before Christmas.

cokelore_santa_toys_cutout

Buon Natale anche a voi

Ed è così che nasce il mito di Babbo Natale. Un evento planetario, unico, che ha sovrapposto una figura commerciale ad un mito religioso. Ed è con questo articolo che auguro Buon Natale e buone feste a tutti voi!!!

Condividi!

Autore dell'articolo: Roberto Maiolino

Docente presso Alps Digital Academy | Founder & Editor presso Grafik | graphic & web designer freelance

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *