Strategia SEO e il compromesso dei contenuti

Strategia SEO

Strategia: SEO-oriented o content-oriented

La questione della migliore strategia SEO è spesso articolata e controversa. Oggi sempre più aziende creano blog anche con lo scopo di attirare visite da convogliare poi nel proprio e-commerce. A tale scopo, noto che è sempre più diffusa la tendenza di creare contenuti SEO-oriented, con argomentazioni poco interessanti, spesso frutto di un copia-incolla e scritti male solo per strizzare l’occhiolino a Google. Attenzione a non esagerare, le conseguenze in termini di marketing e di immagine aziendale potrebbero essere devastanti. Avere un’indicizzazione e un buon posizionamento sicuramente è un aspetto molto importante ma non bisogna confondere l’ottimizzazione con la produzione di contenuti SEO. L’utente va rispettato, nel lungo termine i danni prodotti da questo atteggiamento possono addirittura danneggiare la brand identity. Fate SEO ma non dimenticate mai che il copywriting fa la differenza.

Prodotti culturali: Contenuto o strategia SEO?

Avrei potuto cominciare l’articolo scrivendo:

Volete sapere come scrivere un articolo per il SEO? In questo articolo vedremo come ottimizzare il SEO e migliorare il tuo posizionamento nei motori di ricerca. Per scrivere un articolo ottimizzato SEO bisogna…

Forse, sarebbe stata una buona strategia SEO!!? Non ne sono convinto ma sicuramente non sarebbe stata una buona operazione di scrittura. Una strategia può anche farti “volare” nelle care e tanto ambite tre prime posizioni ma se il prezzo da pagare è una scrittura scadente allora è meglio accontentarsi di qualche scalino più in basso ma garantirti una durata nel tempo. Forse il grande problema delle aziende è lo stesso che affligge la nostra società…la fretta. Anche le strategie di marketing, soprattutto quelle web, pretendono risultati rapidi e nel breve periodo, spesso, con effetti devastanti nel medio e lungo periodo.

Per fare un paragone, possiamo dire che questo modello di marketing è stato il “boia” che ha tagliato la testa a molte radio locali FM. Invece di puntare sui contenuti, editori e manager hanno preferito puntare sull’acquisizione di sponsor. Questa strategia gli ha portato un grande guadagno immediato e hanno riempito queste emittenti di pubblicità. Tuttavia, hanno trascurato i contenuti con il risultato di perdere, gradualmente, grosse fette di ascoltatori. Il risultato è stato che oggi le aziende (potenziali sponsor) non considerano più le radio locali un canale pubblicitario efficace. Con la diffusione di internet e l’arrivo di YouTube e delle web-radio, il fallimento è stato inevitabile. Solo quelle radio, per così dire, virtuose sono riuscite a rimanere a galla, perché hanno fidelizzato nel tempo gli ascoltatori e hanno sempre saputo proporre contenuti interessanti e “confezionati” bene.

I lettori non sono stupidi

Spesso sottovalutiamo il pubblico a cui ci rivolgiamo. Un blog è di fatto un prodotto culturale, anche se a volte può essere utilizzato come strumento di marketing. In questo senso, esso è dominato dalle stesse leggi delle radio o delle TV. Va da sé, che anche in questo caso bisogna porre una maggiore attenzione al contenuto, utilizzando le giuste strategie di web marketing per acquisire visibilità ma senza dimenticare che l’utente web cerca informazioni chiare e utili. L’utente web non ama essere preso in giro e se per reperire un informazione deve sorbirsi frasi sgrammaticate e ripetitive; Banner che compaiono a destra e a manca; Link interni fuori luogo e tempeste di <strong> senza senso, di sicuro non tornerà tanto volentieri e preferirà un sito in cui gli stessi contenuti sono esposti in maniera più accessibile e fluida.

Un esempio lampante, a mio avviso, di buon equilibrio tra contenuto, forma e strategia è sicuramente il sito HTML.it. Anche se in alcuni periodi la presenza di pubblicità è eccessiva, devo dire che mediamente i contenuti sono interessanti, ben scritti e ben esposti. Il design scelto è semplice, aiuta la lettura e non diventa mai invasivo. La navigazione è scorrevole ed i contenuti sono organizzati bene.

Il Design è più importante del SEO?

Forse no ma sicuramente è un aspetto fondamentale. HTML.it non è ovviamente un modello universale e trovo eccessiva la presenza di inserzioni pubblicitarie al suo interno, tuttavia, è un buon esempio di come un contenuto interessante e ben proposto possa dare spazio ad una buona strategia SEO. In questo però, gioca un ruolo fondamentale il design. Una citazione di Frank Chimero ne spiega molto intuitivamente l’importanza:

La gente ignora il design che ignora la gente

Questo vuol dire che, a parità di contenuto e visibilità se un prodotto culturale gode o meno di un buon design, nessuno evidenzierà volontariamente questo aspetto ma sicuramente il prodotto con un buon design avrà migliori risultati di quello con un design scadente. Questo non vuol dire che il blog deve essere “bello”, vuol dire che deve essere efficace. Un buon design pensa alle esigenze del lettore, alle interazioni dell’utente, a come rendere più gradevole e meno stancante la lettura o a come facilitare la navigazione all’interno nel sito.

Conclusioni

La bellezza è un dato relativo, l’efficacia è un dato assoluto. Un blog per essere efficace deve proporre contenuti interessanti per il proprio pubblico, questi devono essere scritti bene e confezionati al meglio. Sicuramente farà più fatica a scalare le posizioni di Google ma ogni singola posizione guadagnata durerà nel tempo, dando migliori risultati sul lungo termine con costi inferiori.

Quasi dimenticavo, all’inizio di questo articolo ho scritto che molte aziende utilizzano il blog come strumento pubblicitario. Visto che una dei CMS più utilizzato per il blogging è WordPress potrebbe risultare interessante leggere questo articolo: Installare WordPress in una Subdirectory.

Autore dell'articolo: Roberto Maiolino

Formazione professionale da graphic designer, lavoro nel settore nel marketing tradizionale e digitale. Una figura unica per la grafica, la comunicazione e l’advertising. Da anni lavoro per le aziende sul territorio nazionale e per le agenzie di comunicazione del Trentino-Alto Adige. www.robertomaiolino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.