Corporate image: L’immagine aziendale

corporate

Introduzione.

L’immagine di un’azienda, di un brand o di un prodotto è completamente diversa dal concetto tradizionale d’immagine. Quello di cui parliamo in questo articolo è valido per una grossa azienda multinazionale come per una piccola startup o progetto individuale. Quante volte avete sentito nei film frasi come: “Per la nostra compagnia è un danno d’immagine” ? Ma cos’è questa immagine?

Quando parliamo d’immagine ci viene in mente qualcosa di fisico o quantomeno visibile. Per il marketing l’immagine in genere è l’esatto opposto. Possiamo dire che l’immagine di un brand o di un’azienda non si vede ma si percepisce. In questo articolo parliamo di un argomento che può essere interessante per tutti coloro che hanno un’azienda, un’attività commerciale o sono imprenditori di se stessi.

La corporate image

Prima di parlare delle tecniche e delle teorie utili per strutturare correttamente una strategia di comunicazione, è fondamentale comprendere il concetto di immagine aziendale o corporate image. La progettazione di una campagna pubblicitaria, ad esempio non può prescindere dalla comprensione dell’immagine dal punto di vista del marketing.

Nel campo della comunicazione l’immagine identifica un insieme di valori molto complessi che influiscono su tutte le strategie aziendali. Molti testi definiscono la corporate image semplicemente come la “reputazione” di un’azienda, in realtà è molto di più. Volendo dare una definizione, secondo la psicologia dei consumi: L’immagine è il complesso di sensazioni, emozioni, pregiudizi e aspettative che il “pubblico” percepisce. 

Immagine nella comunicazione visiva

L’immagine, quindi, non è qualcosa di oggettivo ma di estremamente soggettivo; L’immagine è ciò che il pubblico pensa della marca/prodotto o di un’azienda e come dice Annamaria Testa, nel suo libro La parola immaginata:

Si può avere un’immagine di un qualcosa che non necessariamente si conosce direttamente.

Questo suggerisce che il consumatore non ha la necessità di conoscere, provare o aver avuto esperienza con un brand o un prodotto per avere una opinione su di esso. Attraverso la comunicazione strategica possiamo costruire un’immagine nella mente del consumatore senza che esso entri mai in contatto diretto con la marca/prodotto. Ad esempio, molti di noi non hanno mai utilizzato una Ferrari, ciò nonostante tutti abbiamo un opinione ben precisa di questa auto di lusso; Molti si aspettano da essa delle prestazioni da super sportiva, percepiscono che l’utilizzo di questa automobile possa in qualche modo migliorare la loro vita o il modo in cui gli altri li vedono. Pur non avendo mai provato questo prodotto e spesso mai visto di presenza, abbiamo costruito nella nostra mente un’immagine ben precisa di esso del brand e anche dell’azienda.

Da questo punto di vista il progettista grafico, i copywriter e tutti coloro che lavorano nell’ambito creativo della comunicazione, hanno un ruolo importantissimo: Lo sviluppo di un marchio efficace capace di trasmettere una serie di valori ed emozioni che rispecchiano quelli della marca; Lo sviluppo di una marca solida e con una forte brand identity; La realizzazione di campagne pubblicitarie coerenti e altamente comunicative. Tutti questi ed altri fattori influiscono sulla corporate image.

Conclusioni

Per un progettista della comunicazione visiva è fondamentale capire che attraverso le giuste strategie si può riuscire a suggerire efficacemente una determinata corporate image al consumatore. Ho utilizzato la parola “suggerire” non a caso ma proprio perché trattandosi di percezione soggettiva le variabili che possono agire per la formazione di una determinata immagine sono infinite. Se la strategia è vincente, l’immagine percepita dalla maggior parte dei consumatori sarà vicina a quella che l’azienda vorrebbe trasmettere. Un punto di partenza importante potrebbe essere quello dello sviluppo della marca, a tal proposito vi invito a leggere questo articolo. Grazie, al prossimo articolo…

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Condividi!

Autore dell'articolo: Roberto Maiolino

Docente presso Alps Digital Academy | Founder & Editor presso Grafik | graphic & web designer freelance

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *